Albo Nazionale Gestori Ambientali – disciplina utilizzo mezzi in locazione

Nel corso degli anni, l’Albo Nazionale Gestori Ambientali ha disciplinato la possibilità di iscrivere mezzi in locazione per il trasporto dei rifiuti.

L’opportunità di utilizzare i mezzi a noleggio è stata introdotta con la circolare 995 del 09/09/2013, la quale indica tutti i titoli di disponibilità ammessi (proprietà, usufrutto, acquisto con patto di riservato domino e leasing) ai quali è stata aggiunta la locazione senza conducente di mezzi ad uso di terzi con massa superiore alle 6 tonnellate, purché entrambe le imprese siano iscritte all’Albo autotrasportatori in conto terzi e al REN.

Per i mezzi con massa fino a 6 tonnellate e per i veicoli ad uso speciale è consentita la locazione senza conducente qualora il locatore (il cedente) sia esercente dell’apposita attività e i veicoli siano immatricolati ad uso di terzi ai fini della locazione, mentre il locatario deve essere regolarmente iscritto all’Albo autotrasportatori e al REN.

È inoltre concessa la locazione di mezzi ad uso proprio con massa fino a 6 tonnellate, ai sensi dell’art. 67 della legge 142/1992 “Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee”.

Successivamente, la circolare 345 del 30/04/2015ha precisato alcune possibilità di disponibilità dei mezzi, in recepimenti di una circolare del Ministero dei trasporti.

In particolare, la circolare specifica che è vietata la disponibilità per sublocazione o subcomodato, sia per mezzi in conto di terzi che in conto proprio; è invece permessa la sublocazione se il locatore ha a disposizione il veicolo tramite locazione finanziaria (leasing); essa può noleggiare a sua volta il veicolo, a meno che sia espressamente vietato nel contratto di leasing.

In riferimento alla locazione dei mezzi per il trasporto in conto proprio fino a 6 tonnellate, la circolare specifica che pur essendo permesso dall’art. 67 della L 142/1992, esso può essere effettuato solo se il locatore è impresa che esercita l’attività di locazione (impresa “di noleggio”) e se il mezzo è immatricolato ad uso di terzi ai fini della locazione. Solo in questo caso l’impresa locatrice può utilizzare il mezzo in conto proprio.

Da ultimo, la circolare ribadisce che, nel caso del traporto in conto terzi, se il mezzo ha massa complessiva fino a 6 tonnellate, l’impresa cedente può essere sia soggetto autotrasportatore con licenza e iscrizione al REN sia soggetto che esercita l’attività di locazione veicoli, mentre nel caso di mezzi sopra le 6 tonnellate il locatore deve essere iscritto all’albo autotrasportatori in conto terzi e al REN.

Riassumendo le casistiche disciplinate, si ha che:

– VEICOLO USO DI TERZI CON MASSA SUPERIORE A 6 TONNELLATE: è possibile la locazione senza conducente se entrambe le imprese sono iscritte all’Albo autotrasportatori in conto terzi e al REN

– VEICOLO USO DI TERZI CON MASSA FINO A 6 TONNELLATE: è possibile la locazione senza conducente se il locatore esercita l’attività di noleggio oppure è iscritta all’Albo autotrasportatori e al REN, e se il mezzo è immatricolato ad uso di terzi ai fini della locazione.

Il locatario in questo caso può effettuare il trasporto in conto terzi (deve essere iscritto all’albo autotrasportatori e al REN) o in conto proprio.

– VEICOLO IN LEASING (LOCAZIONE FINANZIARIA): è possibile la locazione ad altra impresa se non espressamente vietato dal contratto di leasing.

print