Emissioni in atmosfera di sostanze cancerogene, mutagene, tossiche per la riproduzione

Dal 20 agosto 2020 è in vigore il Decreto Legislativo 102 che ha apportato modifiche all’art. 271 del D. Lgs. 152/06, introducendo importanti novità riguardo l’utilizzo di alcune sostanze, classificate come cancerogene o mutagene o tossiche per la riproduzione (H340. H350. H360).

Secondo quanto previsto dal comma 7-bis dell’art. 271 (introdotto dal D. Lgs. 102/2020), le emissioni di tali sostanze e delle sostanze di tossicità e cumulabilità particolarmente elevata “devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio”.

Le sostanze in questione sono molto più diffuse ed utilizzate in quanto si possa credere. Potrebbero infatti trovarsi all’interno di tipi di resine o colle, solo per fare un esempio.

Per verificare se si rientri all’interno della casistica prevista da questa norma è fondamentale aggiornare le schede di sicurezza dei prodotti chimici utilizzati all’interno della propria attività, verificando per ciascuna SDS se ci sia un riscontro circa le sostanze citate.

Se si rientra nella casistica in esame, la normativa prevede che dette sostanze e quelle classificate estremamente preoccupanti dal regolamento CE 1907/2006 (REACH), “debbano essere sostituite non appena tecnicamente ed economicamente possibile nei cicli produttivi da cui originano emissioni delle sostanze stesse”.

Ovviamente in molte situazioni non si è nelle condizioni tecniche ed economiche per procedere alla sostituzione delle sostanze pericolose.

A tal proposito, il D. Lgs. prevede la possibilità di presentare una relazione agli organi competenti, nella quale si analizza la disponibilità di alternative, se ne considerano i rischi e si esamina la fattibilità tecnica ed economica della sostituzione delle predette sostanze.

L’autorità competente potrebbe richiedere la presentazione di una domanda di aggiornamento o rinnovo dell’autorizzazione alle emissioni.

È obbligatorio presentare la relazione ogni 5 anni, a decorrere dalla data di rilascio o di rinnovo dell’autorizzazione.

Per la prima occasione, il Decreto prevede che la relazione sia presentata entro un anno dalla sua entrata in vigore; il termine ultimo per la presentazione è quindi stabilito nel 28 agosto 2021.

230-98 Decreto lgs 102-2020
print